#Kloe pillole: lo storytelling che funziona inizia con l’intelligenza dell’audience


DARPA_Big_Data

«Non stai gareggiando soltanto con i tuoi diretti avversari, ma devi anche far attenzione alle aziende che hanno un pagina Facebook e un budget» spiega Michael.

Che abbia ancora senso, oggi, parlare di information overload, poco importa, perché sta di fatto che ci troviamo a gestire un surplus di informazioni, anche in termini di campagne marketing.

Questo significa, ponendosi dalla parte di chi quelle campagne le progetta, che bisogna essere bravi a catturare l’attenzione di un utente sempre più distratto.

QUALCHE TRUCCHETTO RAPIDO E INDOLORE 

La chiave per arrivare dritto al tuo target è raccontare quello che è in grado di emozionare i tuoi clienti.

Per capire chi hai di fronte e cosa vogliono quelli al di là dello schermo, non devi focalizzarti solo su uno strumento di monitoraggio, come potrebbero essere gli Insight di Facebook, perché il tuo target potrebbe non trovarsi sul social di Mark quanto su un’altra piattaforma che meglio si addice ai suoi bisogni.

PEOPLE PATTERN

Potresti usare, ad esempio, People Pattern, che ti aiuta a costruire la tua audience, incrociando piattaforme a varie fonti di dati. Ogni categoria di ricerca ha le sue specifiche keyword cui puoi fare riferimento per offrire post e copy in linea con le conversazioni online del tuo target.

L’audience intelligence, riportando fedelmente Michael, è un approccio che si basa su chi davvero conta per la tua nicchia. Vuoi lanciare sul mercato prodotti dell’IT o del gusto? Guarda chi vi lavora, chi segue compagnie dell’IT o del gusto oppure chi condivide contenuti inerenti.

Un altro piccolo consiglio è “fatti le giuste domande se vuoi avere le giuste risposte”, quindi potresti iniziare a chiederti che genere di contenuti condividono i tuoi potenziali clienti? Che linguaggio usano quando parlano del tuo brand? Cosa li contraddistingue dagli altri?

“Breakthrough Storytelling Starts With Audience Intelligence”, questo è il titolo del pezzo di Michael, se ti va di approfondire.