#Kloe Pillole: quelle robe fighe che puoi fare coi social (non la condivisione del video di Alvaro Soler)


foto buzzland.it

foto buzzland.it

Non molto tempo fa, tra quei tipacci del web, circolava un’espressione in voga: “think outside the box”, che potrebbe essere tradotto liberamente con “sii creativo”.

Se volessi essere creativo e implementare le tue abilità lavorative potresti usare diversamente i social. In effetti, non servono soltanto per postare la foto del tuo amico a quattro zampe Charlie o della colazione a Formentera.

«Ma ci sono un sacco di modi in cui tu puoi usare i social per strutturare abilità professionali, conoscenza e relazioni, senza sentirti schiacciato» come ci spiega Alexandra.

TRE DOMANDE PER PRENDERE IL MEGLIO DAI SOCIAL

Forse non sai da che parte cominciare. Potresti partire col porti tre domande:

  • cosa voglio imparare?
  • quando ho tempo per farlo?
  • da chi o con chi voglio apprendere?

Mettiamo il caso tu voglia saperne di più del tuo settore, allora non ti resta che seguire gli influencer su Linkedin e Twitter, vedere cosa leggono e cosa pensano. Può essere illuminante, sai? Restringi progressivamente il tuo raggio d’azione ad un campo specifico e trova il miglior materiale possibile sull’argomento, insomma leggi e informati.

Concentra le tue ricerche nel momento della giornata in cui sei più libero ed energico, scegliendo la forma di apprendimento che ti è più congeniale. Scommetti che non sarà attraverso noiosissimi Power Point?

Molti imparano più facilmente attraverso gli stimoli provenienti da un gruppo. Potrebbe essere divertente iscriverti ad una community, preferibilmente non troppo grande, in cui confrontarti con altri sul tema che desideri sviscerare. In poche parole, un gruppo sufficientemente grande da scambiarsi domande e opinioni senza sentirsi in imbarazzo.

Se non sai dove si trovano questi gruppi, chiedi ai tuoi colleghi, in giro e sicuramente qualcuno saprà darti qualche dritta.

Se vuoi che la tua avventura sia ancora più entusiasmante, leggi il pezzo di Sandra che si intitola “Using Social Media to Build Professional Skills”.